MUSICA CONTEMPORANEA A BIELLA nell’ambito del Festival Armonie della natura

Sabato 30 ottobre alle ore 19,30 l’Ensemble Contemporaneo del Cantelli si esibirà a Biella, presso la Fondazione Cittadellarte di Michelangelo Pistoletto,nella giornata conclusiva di Arcipelago, festival della creatività sostenibile: si tratta di concerto in collaborazione con la SIMC, Società Italiana di Musica Contemporanea, all’interno del suo festival Armonie della natura, in occasione delle celebrazioni del 700°di Dante Alighieri.Ingresso libero.

In particolare verranno eseguite due partiture segnalate dal Concorso indetto per l’appunto dalla SIMC la scorsa estate (attraverso una specifica Call) ed indirizzato agli allievi di composizione dei Conservatori italiani; si tratta di due brani dei giovani allievi Meacci e Arena e in tale occasione verrà inoltre eseguita l’orchestrazione di alcune pagine tratte dal bartokiano Microkosmos (e si tratta di un progetto ideato e diretto da Andrea Cappelleri, che ha visto la collaborazione dei Conservatori di Alessandria, Novara, Torino e Udine nonché di una rilevante istituzione francese).

L’Ensemble di musica contemporanea del Cantelli  è una nuova realtà, nata dalla volontà di approfondire in particolare quella tranche del repertorio che di norma risulta troppo negletto da parte degli studenti – vale a dire il mondo fascinoso, articolato e variegato della musica contemporanea – realtà affidata alla bacchetta di Andrea Cappelleri, neo docente di lettura della partitura presso il nostro istituto, dal prossimo novembre. Oltre alle due già citate partiture – lo si anticipava – verrà eseguita dunque una parte dei brani che compongono ilMicrokosmos dell’ungherese Bartók,  espressamente orchestrati da alcuni allievi di Composizione dei Conservatori di Novara e Alessandria, un pregevole ed apprezzabile progetto-gemellaggio tra istituzioni conservatoriali. Sul podio Andrea Cappelleri.

Si tratta  di appuntamento davvero rilevante. Merita segnalare – fa notare Michele Fedrigotti, docente di pianoforte del Cantelli – come la call della SIMC fosse «dedicata ai giovani compositori dei Conservatori e istituzioni omologhe internazionalmente e si trattasse di una call il cui tema erano i diritti dei giovani e la loro formazione»; da segnalare poi «il premio Terzo Paradiso, dal simbolo di nuovo rinascimento e risoluzione dei conflitti di Michelangelo Pistoletto, in relazione con gli obiettivi numero quattro e numero otto dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e le iniziative dell’ILO, Agenzia preposta alla tutela del lavoro dignitoso, International Labour Organization, iniziative Music Against Child labour eSCREAM, e al 2021 eletto dall’ONU International year for the Elimination of Child Labour».

È ancora Michele Fedrigotti  a fornire  ulteriori dettagli, specificando nei particolari quanto più sopra  accennato per sommi capi.

Eccoli qui di seguito per chi fosse interessato ad eventuali approfondimenti.

«Il festival in oggetto – puntualizza Fedrigotti, anche a nome del presidente della SIMC Andrea Talmelli e del direttore di Cittadellarte Fondazione Pistoletto Paolo Naldini – mette in relazione il lascito culturale, umano ed etico e la presenza di Dante con l’attualità dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ Agenda 2030 delle Nazioni Unite con una call ai  compositori, De institutione musica, per favorire e rinnovare una riflessione sul linguaggio contemporaneo e un conseguente impegno nel valorizzare la sua forza comunicativa indirizzandola a scopi etici e sociali‚.

«In particolare, nell’anno 2021, eletto dall’ Assemblea Generale ONU e dalla sua Agenzia preposta alla tutela del lavoro dignitoso ILO, International Labour Organization, International year for the Elimination of Child Labour, in relazione alle iniziative Music Against Child labour e SCREAM, la call ha previsto una sezione “premio Terzo paradiso” dedicata ai giovani compositori dei Conservatori e, internazionalmente, delle istituzioni omologhe, per la scrittura di brani che si riferissero specificamente agli obiettivi 4 e 8 dell’Agenda 2030 e all’alleanza 8.7».

«La formazione e l’attiva partecipazione dei giovani al processo di rinnovamento per una crescita ecologicamente sostenibile sono l’elemento caratterizzante dell’iniziativa; la denominazione “Terzo paradiso” si riferisce significativamente al simbolo di Michelangelo Pistoletto, di conciliazione dei conflitti e di nuovo rinascimento, già presente con un’installazione sui 17 obiettivi di sviluppo sostenibile davanti alla sede delle Nazioni Unite di Ginevra

http://terzoparadiso.org/en/attivita/the-rebirth-for-the-united-nations-70th-anniversary»

X